accedi   |   crea nuovo account

Abbandonato

Hai lasciato qui le tue scarpette rosse.
Proprio qui, sulla scarpiera, le tue splendide,
delicate scarpette rosse. E ora? Che ne sarà
delle vacanze in Pennsylvania? E delle uova fritte
al pomodoro? Cosa ne sarà? Osservo la tua foto che
ho sul comodino, la foto di quella che fu la mia
confidente, prima ancora che mia moglie e penso
a quanto la solitudine sia una condizione del cuore
prima che della mente. Il treno è ripartito adesso?
è ripartito? Domando, ma nessuno mi risponde.
Oggi mangerò del riso in bianco senza sale.

 

1
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ivano51 il 30/08/2015 10:49
    Abbandonato... e allora? Forse era meglio se rimaneva di controvoglia? Non è meglio se la si prende come l'inizio di una nuova e stimolante vita, e non come tuffarsi nei ricordi e crogiolarsi nella tristezza? Meglio averla vicina infelice e contaggiarmene? No, solo alla Morte sopravvive il grande Amore, all'abbandono no, era finito da tempo.
  • Rocco Michele LETTINI il 30/08/2015 09:25
    Cosa ne sarà del sollazzoso vissuto? Ora sola una mesta solitudine dal barbaro abbandono. Sentito racconto Ferdinando.
  • Vincenzo Capitanucci il 30/08/2015 08:23
    si è abbandonati.. quando più nessuno risponde alle Tue domande.. allora si ride in bianco.. e la vita ha un sapore.. sciocco.. scialbo..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0