PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Impara dai piu grandi, proteggi el Padre

tavolini di plastica arrugginita sotto tovaglie a fiori arancioni.

Portaceneri ed MS spente.

baffi gialli.

Ultimi poeti estinti, mogli, cazzi e cazzotti.
Animali che cercano lavoretti di notte.

Vengono a prendervi.

Vi cresceranno su un pianeta solo.
E gli alberi avranno frutti strani fatti di vodka e rum.
E il buio.
E i pomeriggi.

Saranno camminate tra gli occhi che parlano e le marmitte grigio metallizzato.
Disconnessioni dall'alveare.

Gente che risparmia ferri e bronzi.

Incontri se cambiano traiettorie,
Che cancellano strade.


E i privilegiati.

Quelli che avevano tutto il necessario e l'hanno speso nel confronto,
bande dai significati condivisi e autoreferenziali.

Nuovi gesu'dai volti giovani e conservati,
catene fatte di cliche' e sguardi che riconoscono i mostri,
È il buio cari,
chiama Amore il non vedersi mai,
l'ho già detto.

Reami,
radici che continuano quelle dei padri,
tristi de zona,
con il cellulare acceso in tasca e il fumo tra le palle.

Cagnolini che se rimangono soli perdono la speranza,
lanciano i cuori dal tevere e mettono gli occhiali scuri sotto la pioggia.

Scarpe da pochi euro ai piedi,
ma solo cosi,
solo perche`il vento ti soffia via bene quando hai paura.

Dicono non farlo,
dicono evitare.

c'e' un gatto crocifisso al muro,
anche per questo,
io vorrei, non vorrei,
ma se vuoi.

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0