PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Addio padre

Mentre osservo il faccione morto di mio padre
e le sue morte mani poggiate perfettamente
lungo il perimetro del corpo, mi viene in mente
il vecchio cruscotto della Fiesta dove lui teneva
un piccolo santino. Tutto mio padre è racchiuso là,
in quel santino, nella dedizione e nella fede.
Addio padre, non ti scorderò.

 

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 01/09/2015 14:59
    Adorabile decanto per il proprio padre che mai l'autore dimenticherà... Il mio elogio Ferdinando.
  • Vincenzo Capitanucci il 01/09/2015 11:49
    Tutta la vita di mio Padre è nel cruscotto ( 8 di infinito )della Fiesta ( festa ) dive teneva un santino... allora Ti viene da pensare che tutto quell'infinito era nel Suo petto.. a Dio Padre.. grazie..
  • silvia leuzzi il 01/09/2015 11:15
    BELLISSIMA INTENSA DRAMMATICA MA DI QUELLA DRAMMATICITA' PACATA, ADULTA. Tutta l'essenza del genitore racchiusa in un santino, segno di una spiritualità semplice ma credibile. Davvero notevole ciao Ferdinando

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 01/09/2015 11:16
    La posto su facebook e l'ho letta alle mie colleghe che si congratulano con te

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0