PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Castelli di sabbia

Come un bambolotto di pezza
abbandonato da mani crudeli
giaci riverso nell'acqua
che accarezza il tuo viso.

Rannicchiato, piegato,
cercavi forse quell'utero
dove rifugiarti mentre
le onde ti innalzavano al cielo.

Qual è il tuo peccato,
bimbo adagiato sulla riva?
Quale crimine hai commesso
per morire in terra ostile e aspra?

Forse avevi ancora nelle orecchie
l'assordante crepitio delle armi,
o forse avevi tra le mani
l'ultimo pezzo di pane
strappato ad una vita infame.

Ora sei lì, muto, indifeso,
col tuo maglioncino rosso
troppo stretto e freddo,
ora sei lì dove altri bimbi
giocano a fare castelli,
tu, col tuo castello
di carta straccia e lacrime
a gridare con la tua flebile voce
che diventa un'orchestra di dolore
che avresti voluto vivere,
diventare grande,
conoscere l'amore.

Non ci sarà per te un domani,
non c'è domani per coloro
che galleggiano sulle onde
alte come muri delle nostre
coscienze ottenebrate da
egoismi e cattiverie.

Addio, bambino sconosciuto,
addio figlio dell'indifferenza
e della stoltezza degli umani.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 03/09/2015 03:38
    non c'è domani per coloro
    che galleggiano sulle onde
    alte come muri delle nostre
    coscienze ottenebrate.. Addio bambino.. sei stato il malaugurato figlio della stoltezza umana..
  • Antonio d'Abbieri il 02/09/2015 18:47
    Molto apprezzata perl'argomento doloroso e attuale. Ho scritto anch'io una poesia sull'argomento (popoli in fuga) e ciò mi fa comprendere la sensibilità che ti anima.
    Un caro saluto.

1 commenti:

  • Marysol il 03/09/2015 08:53
    Da mamma: non c'è dolore più grande di quello provocato dal vedere un bimbo che ha perso la vita inutilmente.
    Personalmente non riesco a vedere queste scene e non starci male.
    La tua bella poesia, dovrebbe essere un monito per tutti noi, affinché queste terribili morti non accadano mai più.
    Buoni versi a te. Marysol

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0