username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Inferno e paradiso

Se ci fosse un Dio speciale,
avrei smesso di soffrire
avrei smesso di inseguire
di sparire e poi tornare

Non ho chiesto io la guerra,
ne deciso d'inquinare,
la mia faccia segue il passo,
ho pensieri da buttare

Questa musica non cambia mai,
stessi accordi stessi guai,
le parole sono il nulla
si dimenticano sai

Non ho chiesto io la pace,
mi fa paura anche il perdono,
ogni volta che sorrido,
non crediate che io sia buono
non crediate che io sia buono

Lo vedi sai non conto nulla,
ma sulla terra siamo in tanti come me
Lo senti sai non dico nulla,
ma qualche volta la ragione sta con me

La ragione sta con chi
ha bisogno di mangiare
di fuggire dalle guerre
per non farsi ammazzare
per trovare il paradiso
che nessuno sa dov'è
basta un sogno un po' speciale e poi...
questo Dio che non c'è ...

All'inferno ci sono stato,
ho pagato anche il mio conto,
ho lasciato tante lacrime
sulla terra dei miei padri

i miei occhi hanno guardato
la miseria più profonda
l'odio antico della pelle
ed un Dio che non protegge

Qui la legge non esiste,
ogni uomo nasce libero:
decidi se sei tu il carnefice

123

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 04/09/2015 16:19
    siamo dei nulla.. e portiamo in noi degli angoli di cielo dimenticati.. paradisi.. dove eravamo Tutto... ora un dolore immane di colpisce .. forse ci farà prendere coscienza.. forse.. Giuseppe..
  • Rocco Michele LETTINI il 04/09/2015 13:17
    Riflessivo in tutto il suo sequelar... acuto... diligente... reale...
    IL MIO ENCOMIARTI E IL MIO SALUTARTI GIUSEPPE

2 commenti:

  • Marysol il 04/09/2015 17:46
    Una ballata quasi, sui problemi di oggi, il tuo sconcerto, la tua rabbia, il tuo grido di dolore per l'umanità che perisce inseguendo un sogno, e quella cieca e sorda che fa l'indifferente. E in tutto questo, Dio dov'è?
    Bella e condivisa Giuseppe.
  • Ellebi il 04/09/2015 12:50
    Bei versi, a tratti commossi, sul grande problema del momento. Ma l'Occidente non è il paradiso anche se chi viene dall'inferno è portato a crederlo. La migrazione da un paese a un altro, da un continente a un altro, non è un'invasione. La solidarietà e l''aiuto concreto alla gente che giunge nei nostri paesi è doveroso, ma è doveroso capire anche da parte dei nostri governanti le cause vere di queste migrazioni convulse e destabilizzanti, e diventa doveroso pure rimuoverle finalmente, anche con l'ausilio della forza militare. Un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0