accedi   |   crea nuovo account

Grido silente

Sono avvezze le onde
a recare conchiglie
fin sulla battigia.
Stavolta purtroppo
è un bimbo siriano
e la spuma marina
sopporta vergogna.
Se avvicini l'orecchio
al piccolo corpo,
un grido silente
in te irromperà.
Presto lo sdegno sarà,
poi verrà la pietà,
infine ti arrenderai:
puoi solo innalzare
quell'esile eco
all'orecchio di Chi
ascolta da sempre.

 

2
2 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 15/10/2016 07:34
    apprezzata... complimenti.
  • Don Pompeo Mongiello il 10/02/2016 09:46
    Un opera da meritar lo plauso mio sincero!
  • Anonimo il 04/09/2015 17:11
    Lirica, con strofe e versi intensi, capaci di trasmettere sensazioni profonde... molto bella bravo!!!
  • Vincenzo Capitanucci il 04/09/2015 15:53
    ora le onde del mare ci rendono i nostri morti.. e son bambini.. quasi una visione apocalittica.. dei nostri errori.. dei nostri egoismi.. di aver frantumato la terra con mille confine assurdi..
  • Rocco Michele LETTINI il 04/09/2015 13:21
    Un toccante... quanto verseggio... Cronaca che non ripeta altro silente gridar... Adorabile sequela Maurizio.

2 commenti:

  • Rocco Michele LETTINI il 05/09/2015 16:32
    quanto lacrimabile verseggio... (Scusami Maurizio)
  • Marysol il 04/09/2015 17:49
    Un urlo senza voce, è proprio questo il dramma Maurizio.
    Grida quel bimbo nelle nostre tempie e nelle nostre coscienze.
    Dolorosamente bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0