PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un'indiana dagli occhi colore della notte

Ingoiare il catrame... che starna faccenda!
Eppure il gusto prezioso di una buona sigaretta
appena svegli non ha eguali. Ma adesso non divaghiamo.
è l'alba e io penso a te. Ti ho pensata parecchio in
questi giorni. Ingoio una viva boccata di fumo
e mi convinco che è l'ora di fare del caffè. Poi
esco fuori nella veranda e ti vedo dipinta nella
grande montagna davanti a casa mia. La tua faccia
è distesa, priva di qualunque preoccupazione.
Voglio immaginarti così, come eri molto tempo
prima, bella e sorridente, un'indiana dagli
occhi colore della notte.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 08/09/2015 08:22
    Bella e sorridente... hai radiografato una quotidianità di letizia che tutti sogniamo... Sempre acuto riflettere dai tuoi versi... Ferdinando. Lieta giornata.
  • Vincenzo Capitanucci il 08/09/2015 07:17
    ingoiare il catrame è una starna faccenda.. molto strana.. come quella che abbiamo a farci del male.. ma non divaghiamo... la sigaretta chiama il caffè .. come il caffè chiama le sigarette .. e nel mio risveglio... ti vedo dipinta nella pace della montagna.. e voglio immaginarti così .. bella e sorridente (ma cosa abbiamo fatto agli indiani d'America.. che erano uno con il respiro della prateria e lo spirito della notte splendeva nei loro occhi... per compensazione verranno a vendicarli guru indiani vendendoci mantra dal sapore di banana.. )

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0