accedi   |   crea nuovo account

Crosta sottile

Mente che sol a se stessa pensa
sguardo distratto inaridito cuore
quei letti di cartone nell'inverno
erbe di un parco nella stagion
estiva povere lì sfatte povere
membra vi riposan ecco man
tremanti via via crescenti
dove un tempo di affamati
cani vi era zuffa e battaglia
rovistan disperati s'affannan
negli scarti dell'opulenza tua
soffermati un poco ti dico amico
perché ben non vuoi guardare?
Tanti o pochi vuoi tu or contare?
Quella che vedi sol è fragile
crosta sottile di un sommerso
mondo di povertà e dolore
toccarla e romper fin al fondo
suo poi guardar aprirà vedrai
all'amor e alla carità il cuore!

 

2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 08/09/2015 13:26
    perché ben non vuoi guardare? ... se guardassi passerei tutta la mia vita star male.. però al cuore farebbe bene.. molto bella Giuseppe..
  • Rocco Michele LETTINI il 08/09/2015 12:07
    Riflessivo quanto sentito verseggio forgiato magistralmente. Lieta giornata Giuseppe.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0