username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La montagna della poesia

è ripida e sfacciata
è tutta un'utopia
un'idea andata via
un ricordo lontano
l'attesa di una mano
un bambino che grida
l'acqua che scroscia sul treno
qualcuno ha dato meno,
qualcuno ha ricevuto tanto;
la poesia vale tanto
ma tanto non letta,
a letto si gioca la partita
e chi l'ha vinta
non s'è più sentita.

 

4
3 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 22/09/2015 18:29
    Molto ben scritta, in quanto all'inizio con è minuscolo può esser dovuto come nel mio caso che non ho la E accentata. Complimenti!
  • Carmine Impagnatiello il 14/09/2015 09:49
    Mi sembra di capire che il titolo è l'inizio di questa poesia che mi ricorda una filastrocca. Vi sono molti elementi per scoprire quale è l'essenza della poesia, a volte degna di rispetto, a volte come acqua che scroscia e va via.
    Buona giornata a voi, signora Silvia.
  • frivolous b. il 14/09/2015 09:07
    bella dichiarazione d'amore!... ma perché iniziare con la minuscola? Beso
  • roberto caterina il 14/09/2015 06:50
    La poesia e le sue eterne riflessioni... è importante che ci sia, hai ragione ha più la struttura della montagna che del vento quando c'è sostanza poetica quando in un bilancio tra dare e avere riesce sempre a dare di più...
  • vincent corbo il 14/09/2015 06:48
    Sembra una farneticazione, ma alla fine riempie la testa perché c'è completezza.
  • Rocco Michele LETTINI il 14/09/2015 06:44
    Una verità inspiegabile... forse s'è perso il cuore? Sempre arguti quanto straordinari verseggi. Lieta settimana.
  • Vincenzo Capitanucci il 14/09/2015 06:26
    una montagna da scalare.. tutta in utopia.. in un letto . in un ricordo lontano.. in un bambino che grida.. si mostra e gioca.. in poesia l'intelletto.. mi piace tantissimo Silvia.. per questo flash d'immagini.. rapide.. sicure.. frenetiche...( che pena questi non commenti alla Tua poesia )

3 commenti:

  • silvia leuzzi il 22/09/2015 18:52
    no caro Pompeo è perché non ha un vero titolo ma sai che qui ne va dato uno. Grazie grazie per il tuo commento un abbraccio
  • silvia leuzzi il 14/09/2015 15:05
    Intanto ringrazio tutti per aver lasciato e quindi arricchito il testo con un loro commento, un loro pensiero. La poesia inizia con la minuscola ( per rispondere a Fri ) perché come ha ben capito Carmine il titolo è l'inizio della poesia, un omaggio a Paul Celan che non ha mai dato titoli alle sue poesie. Questi versi bisognerebbe leggerli ascoltando Summertime eseguita da Charlie Parker, dove le parole non ci sono ma si sentono sussurrate dalla musica del maestro. È uno dei miei tanti esperimenti poetici o bisticci in cui mescolo battito cardiaco e pensiero senza senso lasciando alla poesia di trovarne uno e lo trova sempre, magari si appoggia a una battuta di sax o di tromba ma il senso c'è sempre ed è dentro di noi. Ciao amici grazie davvero
  • Gianni Spadavecchia il 14/09/2015 09:05
    La poesia vale tanto anche se poco letta.
    Ma ha un valore inestimabile e pensiero profondo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0