username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Vite senza dignità

Nei vostri occhi
si specchia inerme
il dolore del mondo.

Pare di veder
lacrime di cristallo
scendere dal viso
e sul vostro manto
sporco di fango
e indegni oltraggi
si legge l'immane
cattiveria di una triste
e spietata umanità.

Vivete ai bordi di strade
sterrate e senza fine
rifuggendo il piede dell'uomo
e le sue urla di rabbia e
stupida malvagità,
ma aspettate con ansia
che una mano amica
vi accarezzi il muso
per regalare l'agitarsi
festoso delle code
e baci con le lingue
avide di affetto.

Non ce la faccio
a vedervi trascinar
le vostre ossa senza carne,
non riesco a vedere
la vostra pelle
scorticata dalla rogna,
fa male al cuore
veder nei vostri occhi
stanchezza e voglia di morire.

E quando vedo per le
linde strade cittadine
i vostri simili
col pelo liscio e pettinato,
le pance piene
e gli occhi che sorridono,
allora penso che
ci vuol fortuna,
che tu sia uomo o donna,
bambino, vecchio,
cane o gatto.

Ma io vi voglio bene,

12

4
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 16/09/2015 16:57
    I Tuoi testi sono da musicare per trasmettere un'armonia unica... Adorabili strofe Vincenzo... Straordinario... il vedere la luce vivida che emana felicità.
  • Vincenzo Capitanucci il 16/09/2015 15:55
    quello che succede agli uomini.. succede anche ai cani.. la scala dei valori... o dei non valori è sempre quella.. molto bella Vincenzo.. ma son tutte belle le Tue.. sempre piene di grande umanità ..

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0