accedi   |   crea nuovo account

L'America

Il fumo del sigaro invade la stanza come nebbia.
La luna là fuori è alta e pallida, dal profilo dimesso
come seccata per qualche sciagura imminente.
Roberto sfoglia il suo rotocalco con minuziosa attenzione.
Vuole scordarsi l'America e tutte le puttane che ha incontrato
lì dentro. Nella mente riecheggiano i consigli della madre
che soleva dirgli "Chi lascia la vecchia per la nuova peggio trova".
Ma l'America è stato un errore che Roberto non poteva far altro
che commettere. In questa c'era tutto il sogno di una vita
sganciata fuori dalla mediocrità della provincia.
Roberto guarda le stelle. Lumini immobili che bruciano il
fuoco di una nuova vita che verrà. Lui lo sa, e non dispera.
Arriverà il domani e sarà meglio di tutto il passato vissuto.
Lui lo sa e sorride felicemente.

 

2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 19/09/2015 23:03
    In maniera del tutto personale la tua poesia mia ha ricordato lo stile di Pavese discorsivo ma con una musicalità di pensiero. Bella
  • Rocco Michele LETTINI il 19/09/2015 06:36
    "Arriverà il domani e sarà meglio di tutto il passato vissuto".
    Ho voluto elevare questo verso per il suo eccezionale messaggio.
  • Vincenzo Capitanucci il 19/09/2015 04:36
    Per esser Tuo mi fui America ( ricchezza non potere )...

1 commenti:

  • Gino il 21/09/2015 19:30
    Il dubbio è la fatalità, nel senso dell'impossibilità di risolvere l'enigma dell'esistenza. Anche in questa terza poesia la certezza del futuro è un paradosso. Ed è un paradosso la poesia di queste liriche.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0