accedi   |   crea nuovo account

Campo de' fiori

'Na vorta era er mercato
ner core de Roma,
co Giordano Bruno a controllà,
'ndove li fruttaroli
vendevano cicoria
de li prati lungo er Tevere
forse ancor biondo allora.
Da 'n banco a 'n'antro
strillaveno pe alliscià a merce
co lazzi a vorte grevi,
tanto se conoscevan tutti
li trasteverini.
Stamatina là sò ita
e dinanzi a broccoli e banane
m'hanno parlato inglese.
Quanno me sò sentita gnorante!
Parlo appena l'italiano
m'arricordo 'n friccico de latino
e greco antico
pel resto sò 'na frana.
Sarvognuno stanno così le cose:
datteri a 'na deca d'euro ar chilo
ma sò israeliani,
li fichi due deca ar chilo
ma sò turchi...
Mo va be' pe li portogalli
e mandarini da la Spagna,
sempre Europa è,
ma le pere e li limoni argentini
me li devono da spiegà.
So gnorante, ce lo sò,
ma in Sicilia li dovemo sfrantumà
tutti li agrumi boni?
Le patate che compro io
sò d'Avezzano
no olandesi nemmanco tedesche,
se più vicine costeno de meno.
Boh! 'Na cosa è certa:
nun ce state a cojonà chè
Campo de' fiori, Porta Portese
e Piazza Vittorio ormai
sò addiventate n'antra cosa,
tocca cambiaie nome.
Mejo Campo del mondo, Porta del mondo
e Piazza Cina
e lassamo stà er vernacolo
piuttosto scriveteli sti nomi
in inglese, francese,
arabo e cinese.
M'abbisogna annà
armeno a scola d'inglish
se no qui nun ce capimo più
e sbroccamo tutti.
Nun sò stata a baccajà
ma solo a riccontà realtà.

 

1
1 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/10/2015 22:17
    Amara disanima poetica di un mondo che perde valori e identità.
  • Francesco Andrea Maiello il 04/10/2015 19:22
    Gran bel mercato ortofrutticolo cantato con la simpatia del romanesco!
  • frivolous b. il 02/10/2015 08:51
    Non so s'è per il romanesco o se per la tua indiscutibili bravura ma... che simpatica!
  • Antonio Garganese il 02/10/2015 06:36
    Poesia bellissima. Rappresenta la realtà che non ci dicono: una integrazione che non è cultura mescolanza di costumi e comunità di intenti, solo incontro fra povertà spacciato per progresso.
  • Rocco Michele LETTINI il 29/09/2015 15:52
    Hai decantato mirabilmente la realtà della nostra quotidianità... Un continuo di stranezze e... d'antico che che invochiam... Lieta serata Chiara.
  • Vincenzo Capitanucci il 29/09/2015 14:59
    Simpaticissima e vera.. brava Chiara ci sono politiche economiche assurde.. che le nostre menti non riescono neanche ad immaginare gli intrecci... ed è meglio non svelarli.. se no si finisce sul rogo.. Ma ormai stiamo andando.. faticosamente e con tragedie. verso un unica umanità .. se no veramente sbroccamo tutti.. come li Tarocchi siciliani.. li volevano tutti.. e poi di colpo il mercato non li volle più ..

1 commenti:

  • Ellebi il 30/09/2015 12:53
    Bellissima e divertente, lo sgomento è obbligato ma è la strada per l'Europa, già imboccata, anche se l'incertezze aumentano. Un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0