accedi   |   crea nuovo account

A' gelosa

Quanta vot, t'aggio ditto,
chistu core nun s'affitta,
ride, canta, zomp'e vola
solo quann stà cu tè.

Vavattenne core n'grato,
ne fai tutte sceneggiate,
comme scinne a scalinata
faie o chiachiello dint'o vico.

Nù surriso a Carmelina,
a Marianna l'occhiolino,
a Roberta, a Veneziana,
l'accarizz semp'o cane.

Quanne maie, sò tutt n'ciuci,
chi fa a spia è malalengua,
stà scuppiann'e gelosia;
spera ca c'appiccecamm.

Vuè, bell'omm, stai avvisato,
si nun songh solo n'ciuci,
io to taglio chillu coso,
e a fernisce po' e fa o zezo.

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Chira il 02/10/2015 12:14
    Oddio che minaccia! Bell'uomo ti conviene filar dritto. Il dialetto, essendo fatto essenzialmente di sonorità, è molto ostico da scrivere ma sei stato bravissimo!
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0