PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lorenzo

Il manicomio ha le luci viola di neon fosforescente
guardatelo Lorenzo, pare finto tanta è la sua afflizione
gli hanno fatto l'elettroshock... poverino! E intanto i giorni
passano e lui non vede più la luce.

Capelli come stola. Lorenzo... Lorenzo!

"Ai matti non è concessa un'altra possibilità"
Così soleva dire il Papa-Comandante, che altri non era
che lo psichiatra di turno quando lo ricoverarono. Baffetto fine
sguardo languido e un lungo camice bianco, bianco come la neve
che si tirava Lorenzo. Lorenzo... Lorenzo!

"Ti sei fottuto il cervello" diceva la madre, al subentrare delle prime crisi.
Ma Lorenzo era un guascone che sapeva quello che faceva,
tutte le femmine ce l'aveva lui... e ora il manicomio
Lorenzo... Lorenzo!

Il suo sguardo s'è spento, così mi hanno detto.
Ma Lorenzo conosce l'amore, e anche là dentro
nella sua prigione-manicomio-morte, guarda le stelle
e pensa alla vita che fa puzza di muffa.

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 04/10/2015 12:44
    Un pazzo (dispiace pronunciare questo termine) non è mai creduto... eppure ha un cuore più puro di uno che pensa di essere iperintelligente e sano. Toccanti et profondi versi Alessandro.
  • Vincenzo Capitanucci il 04/10/2015 06:50
    puoi finire dentro solo per essere un guascone.. un moschettiere del re per aver calpestato i piedi ad un cardinale.. ne uscirai dopo 20 anni.. ed erano i tuoi primi 20 anni.. con una laurea ad honorem..

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 04/10/2015 06:52
    gli hanno fatto l'elettroshock... poverino! E intanto i giorni
    passano e lui non vede più la luce... l'hanno rimessa in funzione... come se fosse una messa..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0