PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Otto e trenta

Sono nato in un giorno di pioggia
il vento forte, le scariche di fulmini
il tuono e la tempesta sono state la mia levatrice
Sfuggo i raggi del sole come peste nera
ho vissuto in pace sempre attento alle regole
ho svolto bene il mio compito di uno tra la gente
Oggi voglio rubare e forse anche uccidere
perché il sole che tanto ho fuggito
mi sta raccontando
di come brucia tutti i pensieri buoni
Chi ha vinto la prima sfida, ha poi saputo perdere la seconda?

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 04/10/2015 12:57
    Un sentito poetar... È il nostro acuto "soffrire" che porta ai tuoi doverosi versi e al tuo pur considerevole sfogo.
  • Vincenzo Capitanucci il 04/10/2015 11:56
    il vento forte, le scariche di fulmini
    il tuono e la tempesta sono state la mia levatrice... il risveglio dell'Ombra.. tradita dal suo sole..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0