accedi   |   crea nuovo account

Lettera d'addio in codice

Fra scheletri e coltelli,
fra interiora e dentiere,
nel nido di spine
in cui sete e angoscia
fanno nascere la febbre,
il mio ultimo sogno
sibila e sanguina.

Sono il vagabondo
senza latte nè miele,
la lettere d'amore in fiamme,
la conchiglia sull'asfalto.

Da me fuggono la pioggia e la penombra,
prostitute e banchieri mi assediano.
Ho bisogno di papaveri melodiosi,
di cavalli ariosi e acque lunari.

Fra ragni ed assenzio,
fra croci polverose e piatti sporchi,
tornerò alla cecità salata
della Terra,
senza più alfabeto nè maschere,
senza più fucili alati
a oscurare il cielo
del pomeriggio.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0