accedi   |   crea nuovo account

La stanza delle luci spente

Oh Tu
che come me conosci la sofferenza lasciata da una persona andata via

abbracciami

non si è mai abbastanza insieme nel dolore

anche se lo neghi non c'è una persona più sola di Te in questo momento o forse parlo di me

non so

so solo
che l'amore non può sparire dietro ad un angolo di strada o nella luce di una stella che si spegne nel cielo dei nostri occhi

 

5
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 05/10/2015 17:27
    ... e va oltre quel fiume Giordano senza tempo né spazio. Bellissima!
  • roberto caterina il 05/10/2015 08:37
    Accorata e bella questa stanza dalle luce spente, ma non rassegnate...
  • Rocco Michele LETTINI il 05/10/2015 07:52
    Abbracciati in un dolore per la perdita di una persona cara... è misurarsi in un amare sincero...

2 commenti:

  • Marysol il 05/10/2015 15:23
    Vero Vincenzo, l'amore non cessa con la morte.
    Quando amiamo davvero qualcuno e questi ci lascia, continuiamo a provare gli stessi sentimenti, ed anzi, a mano a mano che il tempo scorre, rivediamo i momenti belli passati insieme, ricordi preziosi e struggenti che rafforzano il nostro amore...
    Grazie per aver condiviso il tuo sentire.
  • Chira il 05/10/2015 13:11
    Il buio di quel tipo di sofferenza, lo smarrimento che provoca ti fa rannicchiare nella solitudine oppure ti fa cercare ed abbracciare l'altrui dolore per condividerlo. Gli ultimi due versi li sento in modo totale da quando è andato via mio padre. Un saluto Vincenzo!
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0