username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Fontane di luce

In antica Grecia erano le piante sacre di Atena

create da una roccia
per dar luce e conoscenza d'unzione alla notte

lenivano le ferite del corpo e dell'anima
e
davano nutrimento ai popoli

in segno di pace e tregua sono state portate in volo da una colomba

Hanno ascoltato
la sapienza di Socrate

hanno visto
le lacrime di sangue di Gesù di Nazareth

e
udite
le monumentali "sciocchezze "
declamate in versi dal poeta Catullo

Protette dal freddo
dal respiro di un lago dal tepore di un mare o dalla schiena di un monte

l'argenteo tremulo scintillio dei rami millenari di un ulivo sembrano sfidare la bocca voragine dei secoli

ed
essere memoria dei nostri più antichi templi

che sia il loro nutrirsi di mediterranea luce e l'esser così radicate nel corpo di Madre terra a donare a loro così tanta longevità ?

Odino e Babbo Natale proteggono gli abeti rossi del nord

e
le sequoie
se non incontrano una motosega umana sembrano mai dover tirar le cuoia del loro inanellato ossigenante cuore

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

L'abete rosso che ha 8. 000 anni sembra essere l'albero più antico del mondo


3
0 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Carmine Impagnatiello il 09/10/2015 14:53
    Come siete colto! La mia ammirazione.
  • roberto caterina il 09/10/2015 13:20
    Bello questo tuo ricordo dell'abete più antico del mondo...
  • Glauco Ballantini il 09/10/2015 07:28
    Un abete è per sempre, se il piccolo parassita bimane non lo ucciderà...
  • Rocco Michele LETTINI il 09/10/2015 06:26
    Cotanta maestria caratterizza questo eccelso verseggio...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0