PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Se si è amici una volta si è amici per tutta la vita

Francesco, vivo della sua intelligenza
Si dimena sotto le coperte
Ricordando il dolce sogno dell'esilio volontario, esiliato a Milano
A imbottirsi di roba. Francesco stava davanti al duomo
In mezzo alle madonne, cittadino indiscreto di una città selettiva.
Di neri e di rossi i suoi occhi suonavano musiche celestiali.
Francesco! Francesco! Francesco!
Francesco sapeva tutto dei Depeche Mode, di Battiato e dei Baustelle
Amava delle donne i piedi, malattia da segaioli della prima ora.

Nella campagna vagamente asfissiante
La comunità accoglieva Francesco
Lui doveva spalare la neve parlare con psicologi e psichiatri e disintossicarsi.
Pensava a Virginia, alle sue gambe pendenti.
La vedeva impressa nella mente mentre andava a lavorare, hostess minigonna spauracchio dei corteggiatori.
Voleva amarla, vivere con lei il resto dei suoi giorni.
Francesco! Francesco! Francesco!

Me lo ricordo ancora, alle scuole elementari
Una maglietta di Abbiati indosso. Era lo zimbello della scuola.
Schiaffoni in testa sputi spinte calci e mille e mille provocazioni.

Oggi non lo vedo più da tempo.
Era il mio migliore amico e qualcuno ha detto
Che se si è amici una volta si è amici per tutta la vita.

 

3
0 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 09/10/2015 13:26
    Condivido il giudizio degli altri su questa amicizia lontana che torna nei momenti più intensi e vissuti.
  • Glauco Ballantini il 09/10/2015 07:33
    Flash di vita, che fine ha fatto? Le gambe pendenti mi ricordano la prima inquadratura di Clara Calamai in "Ossessione", seduta su un tavolo con le gambe penzoloni.
  • Rocco Michele LETTINI il 09/10/2015 06:37
    Un diligente et espressivo racconto... Più che "NATURALE" l'osservazione di chiusa...
  • Vincenzo Capitanucci il 09/10/2015 05:14
    come non condividerla su fb.. per Francesco.. per quelle gambe pendenti di Virginia.. per i bambini maltrattati a scuola.. e perché quando si è Amici... lo si è per sempre...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0