PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il ballo del potere

Mao Zedong piange lacrime ciclostilate
Stalin porta ai giardinetti il formichiere di Dalì
Hitler gioca a scacchi con la morte come in un film di Bergman
Mussolini saluta penzoloni dal piazzale Loreto
Che Guevara imbraccia un fucile come una chitarra e suona musiche celestiali
Fidel Castro si liscia la barba
Andreotti organizza un governo dall'oltretomba
Berlusconi fa trenini come fosse capodanno
Obama sgancia la bomba la bella e santissima bomba
e intanto il mondo muore lentamente
muore di amore e disamore di virtù e di vizi
l'Africa non sarà mai globalizzata

 

2
0 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 12/10/2015 05:47
    il potere.. l'uomo saggio.. ne sta lontano,,,
  • Rocco Michele LETTINI il 11/10/2015 13:04
    Un intenso et acuto poetar diligentemente forgiato. lieta settimana.
  • Anonimo il 11/10/2015 10:04
    Un quadro il tuo, che l'urlo di Munch, al confronto è gioia.
  • vincent corbo il 11/10/2015 08:39
    Un altro ballo, di quelli che lasciano il segno. Mi piace la vicinanza dei due italiani perché sembrano sostenersi a vicenda.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0