PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ballo dell'ubriacone

Lasciatemi finire il buon bourbon
Sono così psichedelicamente assuefatto dal suo sapore

E la tennet's oh la tennet's
Così imperiosamente libera da imposizioni

Voglio del buon vino porto
Gesù Cristo alleluia mi mangio il tuo corpo intingendolo là dentro

E se la polizia mi fermasse mentre guido
Cosa fare? Gli canterei quella canzone
Aspetta come fa " .. quando sei qui con me questa stanza non ha più pareti.."

Ma non chiamatemi mai ubriacone
Sono solo un appassionato della roba buona

Vitigni prima scelta liquore invecchiato
Vita in decadimento fegato grosso fegato grosso

Sono tutto fuso dal risultato di questi bicchieri colmi
Ma non disperate andrò a vomitare nel cesso celeste
Come un orangutan in una crisi sessuale

Addio.

 

1
0 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • andrea il 13/10/2015 20:56
    Mi piace bere anche se a 56 anni posso dire di non essermi mai ubriacato (ho fatto bene?) mi è piaciuto il tuo ballo...
  • Vincenzo Capitanucci il 13/10/2015 17:22
    or an gutan.. nel cesso celeste.. A dio..
  • Anonimo il 13/10/2015 17:00
    Ciao Ferdinando, si direbbe la fine di un alcolista o alcolizzato, piaghe dilaganti tra i giovani.
  • Rocco Michele LETTINI il 13/10/2015 11:25
    Riflessivo quanto espressivo verseggio. In chiusa l'avallo. Lieta giornata Ferdinando.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0