PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quando accavallò le gambe la bellezza per me diventò fascino e ossessione

... gli occhi amano rubare la bellezza ovunque la incontrino... in una cliente intravista in un attimo d'attesa alla cassa di un supermercato... al rosso tramonto di un sole intrappolato tra nubi di pece all'orizzonte ... ad un filo d'erba visto con gli occhi di Whitman.. al fluire in suoni di una sacra scrittura.. ne salvano l'immagine preziosa.. impalpabile e misteriosa nella cantina dei ricordi.. Nella cantina dei ricordi... sono lampadine accese.. fari... illuminazioni... se guardate troppo spesso diventano attici di ossessioni...

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Glauco Ballantini il 14/10/2015 21:12
    Quando la Calamai fa penzolare le gambe seduta sul tavolino, comincia Ossessione, il film che diede inizio al neorealismo italiano. Gambe e Ossessione in comune per un nuovo inizio...
  • Don Pompeo Mongiello il 14/10/2015 16:20
    Un serto ben meritato per questa tua bellissima!
  • Rocco Michele LETTINI il 14/10/2015 08:03
    Che fascino Vincè... Ammalianti versi.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0