accedi   |   crea nuovo account

Calu

Il senso del tempo scorre
lo decidono gli anni;
è un ticchettio ch'avanza
così la percezione si dilata.

La mia presenza in tante realtà
permette un esistenza piena,
Vivo tante vite diverse ed intense.
Ora capisco che siamo artefici del tempo.

Mi sfiora l'odore pulito di te.
La mia vista si fissa sul tuo corpo,
sul dorato candore che propaghi
e la sicurezza di mani avvolgenti.

Mi pianti gli occhi sul cuore,
le lancette non scorron più inarrestabili
ma l'eterno diviene presente.
Le tue smorfie sornione mi parlano?

Tutto si ferma, ti osservo e ti immagino,
rifletto e resterei qua un attimo in più
a guardare il potenziale che creiamo,
perché mi piace guardarci anche se non esistiamo

Bologna, 28 settembre 2015

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 16/10/2015 19:36
    Espressivamente encomiabile. Lieto weekend.

1 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 16/10/2015 16:29
    Una poesia che si potrebbe sintetizzare in questi tre versi:

    Mi pianti gli occhi sul cuore,
    le lancette non scorron più inarrestabili
    ma l'eterno diviene presente.

    Eccellenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0