accedi   |   crea nuovo account

Le sette vite del mio paradiso ( Occhi di Agata e baffi di Giada)

Se del mio cane scodinzolante conosco l'anima e la bontà meglio della mia.. a volte io mordo anche il mio padrone o la mia amata se mi sento calpestare una zampa...
... la mia gatta se muove la coda vuol dire che si sta innervosendo.. e se voglio riportarle la coda in lume di candela devo offrirle il suo cibo preferito...
... la mia gatta Agata vive in un'altra dimensione... nel suo paradiso di Giada ... vede di notte ed ha sette vite...
i suoi occhi misteriosi ed enigmatici ci fanno quasi paura... sono simili agli occhi della nostra anima quando scruta il buio della nostra notte fino in fondo... e vi trovano... un topolino smarrito...

 

0
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 18/10/2015 11:20
    Molto piaciuta ed apprezzata questa tua simpatica assai!
  • Ezio Grieco il 17/10/2015 12:04
    io pure, vincè, ho una gatta, ed è vero; gli occhi sono misteriosi ed enigmatici, come gli occhi della nostra anima... bellissimo verso.
    cl
  • Rocco Michele LETTINI il 17/10/2015 08:27
    Metafore diligentemente usate. Verseggio unico... superlativo... riflessivo.

1 commenti:

  • Fabio Mancini il 17/10/2015 15:55
    Molto bella la tua poesia. Anch'io ho una micia che si comporta come la tua Agata. Ciao, Fabio (Viva gli animali! Abbasso gli umanoidi che li uccidono per divertimento).

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0