accedi   |   crea nuovo account

Luci grigie

Tra luci grigio fumo io vago
Tra pensieri angoscianti e angosce striscianti
Troppo pallida è la luce del sole
Troppo pallidi i sentimenti e le parole
Ho conficcato nel Cuore un coltello che continua a rigirarsi
Ho paura che la mia volontà venga spezzata senza piegarsi
Ho paura che le mie paure mi uccidano
Ruscelli di dolore che senza soste scorrono
Piccole cascate di malcelata disperazione
Acqua che scorre mentre le sofferenze non passano.

 

1
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 19/10/2015 14:51
    Veramente molto piaciuta ed apprezzata questa tua bellissima!
  • vincent corbo il 19/10/2015 10:51
    Trasmette un senso di sofferenza provocata -a mio avviso- da un ambiente opprimente. Mi fa pensare a una città grigia, inquinata, stanca, caotica.
  • Domiziana Gigliotti il 18/10/2015 14:00
    Sono contenta che non rispecchia l'animo dell'autore perchè molto triste ed angosciante, ma rispecchia, sicuramente, l'animo di tutti in alcuni momenti della vita. Purtroppo, spesso queste sofferenze risiedono in eterno e difficilmente lasciano passare spiragli di luce. Serena domenica.
  • Rocco Michele LETTINI il 18/10/2015 13:22
    Tanto... dall'osservazione di chiusa. Il tempo scorre... Il dolore rimane. Intenso verseggio. Lieta Domenica.

2 commenti:

  • Paolo Villani il 18/10/2015 12:29
    Nota dell'autore: non è autobiografica ma penso che quasi tutti si siano, almeno una volta, sentiti così.
  • Antonio Tanelli il 18/10/2015 12:29
    Una poesia angosciata e angosciante, una lama a volte non si piega ma si spezza, e poi si getta. mi auguro che questo tuo sole nonostante il maltempo, torni a splendere. un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0