PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La follia che impazza

Un collo di bottiglia tra le mani
un'offesa da lavare col sangue
un colpo netto e tu in terra rimani
a veder l'assurdità che t'estingue.

Ora lotti per veder l'indomani
steso nel letto sei pallido esangue
per via d'un raptus che non è da umani
un atto che uomo da bestia distingue.

Il tuo gesto così bello e nobile
nell'aiutar la povera ragazza
vittima del fidanzato ignobile,

il tuo coraggioso valor civile
fa da barriera alla follia che impazza
e distingue l'uomo giusto dal vile.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 18/02/2016 08:42
    Bravo, bravo davvero e complimenti!
  • Rocco Michele LETTINI il 20/10/2015 15:26
    RIFLESSIVO QUANTO VERITIERO SONETTO STILISTICAMENTE PERFETTO... IL MIO APPREZZAMENTO E LA MIA LIETA SERATA.

1 commenti:

  • Chira il 21/10/2015 13:04
    Denuncia in versi di certi episodi che avvengono in contesti giovanili... si arriva alla violenza spesso oltrepassando la razionalità del confrontarsi.