username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Per noi

Per noi,
che abbiamo finito la scuola
non concludendo un granché,
senza un lavoro,
ma con tanta voglia di lavorare,
pur di sentirci appagati
per portare a casa un po' di soldi.
Per noi,
che la sera andiamo a dormire
con accanto la speranza
di risvegliarci per andare a lavorare,
e che la crisi
sia stata solo un incubo,
ma quando ci svegliamo
il vero incubo regna nella nostra casa
e la tristezza prende il sopravvento.

La sera andiamo alla ricerca di un lavoro,
ci facciamo avanti, con assai coraggio,
andiamo ovunque e domandiamo chiunque,
ma le risposte son sempre le stesse...

Qualcuno di noi ha regalato l'anima,
ha investito, ha fatto il possibile
per trovare un lavoro, ma niente da fare...
Qualcuno di noi è arrivato perfino a suicidarsi,
dando forti e traumatici dolori
alle proprie famiglie, agli amici e al paese.

E FORSE CHI POTREBBE AIUTARCI
E'SEDUTO SULLA SUA POLTRONA DI PLATINO
A CONTARE IL SUO STIPENDIO.

Chissà cosa ci riserverà il futuro,
ma noi infondo abbiamo paura del futuro,
non possiamo continuare così.
Per favore, Dio aiutaci tu,
oppure tu nostro destino,
auspichiamo in voi,
la speranza è l'unica vera compagna
che c'è rimasta.
Oh madre, oh padre,
quanto avrei voluto possedere una famiglia,
e non per comprarmi la miglior casa
e nemmeno per gettare sfarzo
sui miei figli o su mia moglie,
ma per pura felicità
e per farvi sentire ancor più fieri di me.
Mi spiace che tutto questo non sia possibile,
piango sovente assieme al mio cuor ferito.
Nessuno bussa alla mia porta,
che stranezza, eppure io come tanti altri
busso spesso alle porte altrui.

Aiutiamoci reciprocamente compagni.

Aiuto, anche noi soffriamo
e vogliamo vederci realizzati.

 

1
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 03/05/2016 12:15
    Un serto dovuto per questa tua bellissima davvero!
  • Rocco Michele LETTINI il 20/10/2015 15:16
    UN SENTITO ET ACUTO VERSEGGIO... UNA DOVEROSA IMPRECAZIONE A CHI È INDIFFERENTE A LA PIAGA GIOVANILE: IL TANTO SOSPIRATO LAVORO. A COSA È SERVITA LA SCUOLA? LA MIA CONSIDERAZIONE ANDREA. CORAGGIO ANDREA.

3 commenti:

  • Andrea Calcagnile il 29/10/2015 18:02
    Grazie a tutti davvero, spero il meglio per voi amici, e che tutta questa situazione finisca presto!
  • Chira il 21/10/2015 12:57
    Da mamma mi hai commossa. Non perdere la speranza, non piangere Andrea. Introspezione dolorosa e mai come in questi tempi veritiera: che Dio ti e ci ascolti.
  • Gino il 20/10/2015 16:31
    Più che una poesia, una preghiera, fervida e drammatica.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0