accedi   |   crea nuovo account

La folata

Come sinuosa ondata
in vasta vibrazione prolungata
guizza e incalza,
con fredda mano il tutto
accarezza gelando.

Passa
come serpe strusciando
tra la chioma degli alberi
rapendo in vani avvolgimenti
stormi di foglie scolorite, evanescenti

senza pietà, in sua balia
esse volteggiano e si disperdono
nell'aria rabbuiata
per esser poi abbandonate
marcescenti sopra l'umido suolo,
dalle frequenti piogge
impregnato.

Stridula sferza e infuria
la folata, tutto investe
col suo triste fiato
con ghigno stizzoso, stridio sinistro
spalanca la porta
all'inverno desolato.

Esce dalle case
l'uomo
nella giacca a vento intabarrato,

con curve spalle e l'animo aggrondato
ripensa con nostalgia
al dolce caldo dell'estate.

 

3
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 22/10/2015 13:38
    bei versi Loretta sia che prefigurino l'inverno o nostalgicamente rimpiangano l'estate...
  • Rocco Michele LETTINI il 22/10/2015 12:49
    Straordinariamente decantata in sublimi strofe. LA MIA LODE E IL MIO BUONGIORNO.
  • Vincenzo Capitanucci il 22/10/2015 10:04
    un gelo nell'anima.. che ripensa con infinita nostalgia ad un sole estivo che non ha.. più ... molto bella Loretta..

4 commenti:

  • Anonimo il 25/10/2015 23:30
    Usate Google Chrome
    poi in estensioni "chrome://extensions/"
    cercate,, "Adblock Plus" e aggiungetelo
    toglie,,, tutte le pubblicità
    ,
  • Gianni Spadavecchia il 25/10/2015 10:49
    Quella nostalgia che scomparirà all'arrivo del primo raggio di sole.
    Piaciuta.
  • Caterina Russotti il 22/10/2015 14:17
    Tanta è la nostalgia dell'estate che col suo caldo tepore scalda il cuore e le ossa... Ma è altrettanto bello vedere i colori autunnali. Ed il vento? ben venga a spazzar via tutte le "magagne". bellissimi versi. È un piacere leggerti.
  • Chira il 22/10/2015 11:13
    Sono una voce fuori dal coro, faccio parte di quei pochissimi che d'estate hanno motivi di sofferenza e che d'inverno tornano a vivere quindi: bellissimi versi per un mio "bellissimo" inverno. Grazie Loretta!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0