PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pasolini in sogno

Vi odio, cari posteri
odio ciò che siete diventati.
Non perché niente è stato colto
di quanto abbia seminato,
ma per i fantocci senza volto
senza individualità e pensiero
che osservo e mi dico
quasi fiero d'esser sparito
prima dello sfacelo definitivo.
Ora non affacciatevi,
potreste cadere nel pozzo
profondo dei miei occhi
dove la verità si cela e non si addice
a stomaci delicati.
Nessuna resurrezione salva.
Nessuna purificazione riserva
la materia incandescente e pura.
Ignavi, sotto un'esistenza vuota,
rimestate queste mie ceneri,
distanti come gli occhi
dal cielo e da sostanza viva.
Copie sbiadite di imperfette scimmie
se questo è il fango putre
In cui mi trascinate ancora.
La vostra pena sbatterà
contro un muro che tace.
Fatevi i fatti vostri, se potete,
e lasciatemi riposare in pace.

 

4
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 23/10/2015 04:46
    Concordo sulla chiusa e sul fatto che Pasolini spesso viene tirato in ballo senza accettarne la scomodità che pure è stato un suo segno distintivo...
  • Rocco Michele LETTINI il 22/10/2015 15:14
    UNA INTENSA QUANTO ESPRESSIVA POESIA... DILIGENTEMENTE FORGIATA.

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0