accedi   |   crea nuovo account

Lei è il Tuo il Suo ed il mio abbandono poetico

Quando
la nostra anima

si saldò
in un corpo solo

il respiro di lei
diventò la brezza che accarezzava il giardino del mio cuore
e
finalmente attraverso i suoi occhi vidi per la prima volta me stesso

La sensibile mente di lei trovò un porto sicuro dove abbandonarsi ai suoi slanci poetici

e
quando la faccio saltare sulle mie ginocchia

lei riesce
con un dito

a toccare le stelle

di un cielo

inaudito

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 29/10/2015 13:20
    Soavemente pregevole... Versi che incantano Vincè.

1 commenti:

  • karen tognini il 29/10/2015 08:03
    Dedica bellissima alla tua amata... bravissimo Poeta...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0