PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Immaturità matura

Coltivo immaturità matura,
demenza in sequenza
con una crescita di senza
con la quale son cresciuta.

Coltivo immaturità matura,
per una vecchiaia allegra
con ossa scricchiolanti
su strade traballanti,
sempre a un passo dal burrone
con la testa nel pallone.

Vuoto e spazi vuoti.
Un cappio al collo stretto.
Sbatto ma non posso.
Urlo senza voce.
Temo di perdere,
con la consapevolezza
di chi aver già perso.

Chi e che vince davvero?

Coltivo immaturità matura,
cammino spedita nella ruga
che dalla fronte arriva al cuore.

 

2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 31/10/2015 10:43
    Chi è e che vince davvero? La risposta più confacente per cotanto acuto e riflessivo decanto. Lieto weekend Silvia.
  • vincent corbo il 31/10/2015 06:18
    Non prendersi mai troppo sul serio, forse questo è l'elisir dell'eterna giovinezza.
  • roberto caterina il 30/10/2015 19:42
    Sì immaturità matura spesso ci accompagna a volte, per fortuna, anche con un pizzico di allegra follia...

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 31/10/2015 21:46
    Grazie amici spero vi ci siate ritrovati un po' anche voi :ciaoerché la poesia è grande quando una volta consegnata al foglio, si spoglia delle vesti dell'autore per andare a calzare quelli del lettore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0