username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

E fa ciao con la mano se qualcuno entra

In questo deserto bagnato di favole e foglie acide
riesco a stento a rintracciare un senso
che non mi faccia perdere quel poco di dignità
che ogni tanto ancora mi parla d'amore;
e faccio avanti e indietro
come uno che ha sbagliato treno e non si consola,
trascinandosi dietro un peso che riconosce ancora
solo perché non ha perso il vizio di attaccarsi alla sua mano
e scivolare a terra piano piano,
come olio su un terreno grezzo.
Tu sei già dietro l'angolo e mi chiedi aiuto,
come non ci fosse altra via d'uscita dalla parte del sole.

Viaggio scarico contro un cane bracco che ulula sangue,
mentre un tale con la barba bianca allunga il braccio
per recuperare una bottiglia dal collo rotto. Il disastro che non mi dici
ha perimetri imperfetti, si crede tanto superiore
e poi si perde nella descrizione di uno stato d'animo,
confonde la fine con l'inizio. Seduce usando
carte lucide che non riflettono neanche le ombre peggiori,
s'infiamma per il dettaglio più ridicolo e poi si nasconde.
Con una luce corta che si allunga sulle panchine
di un viale che porta ai confini di una stazione chiusa
e ad una cameriera che pulisce i tavolini di un bar
senza insegna. E fa ciao con la mano se qualcuno entra.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 06/11/2015 06:32
    Una quotidiana pagina del nostro vivere... forte della sua riflessiva et espressiva quanto reale verità... Lieta giornata Salvatore.

1 commenti:

  • Marysol il 06/11/2015 08:21
    Molto rassegnato lo spirito di questa tua... il disastro che non mi dici... viaggio scarico...
    Ti sorriderà la vita prima o poi...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0