PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non corro, non ho fretta

Non corro,
non ho fretta,
so che mi seguirai
tra questi cunicoli oscuri
autentici mostri sacri
del sesso tra maschi.

Mi agguanti prima che io venga inghiottito
dal buco nero
di un materasso
nero anch'esso.

Mi hai preso delicatamente la mano
mi hai girato verso di te
mi hai sfiorato il petto
e il ventre
come mai un maschio
aveva fatto con me.

Il tocco di un uomo che ama
anche se forse solo per questa notte,
tu che hai intuito la mia intima
eccitazione
e l'hai liberata
dalla stupida schiavitù
di un inutile asciugamano.


Hai fatto scivolare la tua mano
giù.


Le tue labbra hanno cercato le mie
e abbiamo limonato come, forse, non facevamo da tempo,
tu condividevi il sapore della caramella, che succhiavi,
con me.


Grazie uomo gentile! Per:
quel molto che mi hai dato
quel tanto che mi hai permesso di darti...
E ora un bel brindisi alla vita!
No,
non corro, non ho fretta.

 

3
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 10/11/2015 17:44
    bella.. non ci deve essere mai fretta nell'amore.. né prima né dopo..
  • vincent corbo il 10/11/2015 09:48
    Un bel brindisi alla vita e al diavolo la stupida schiavitù di un asciugamano! Un inno alla libertà dell'amore omosessuale e universale.

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 20/11/2015 20:37
    Anche perchè, per amare, non c'è mai fretta.
    I sentimenti si vivono, ben scritta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0