PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pausa

Prima il miele e le mandorle
poi un raggio di sole
Nella primavera autunnale
è facile essere profeta
pensare al destino
come a una pausa
dove i legni sensibili si curvano

Quasi a vedere meglio ciò che non c'è

e il sorriso lieve
è una parentesi
che racchiude
un tesoro sbilenco
una profonda prospettiva
che fa del Nulla la nostra guglia
di preghiera.

 

3
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 12/11/2015 17:51
    dolcezza e amarezza.. poi un raggio di sole.. i legni sensibili si curvano

    Quasi a vedere meglio ciò che non c'è .. ed un sorriso.. fa del Nulla.. una guglia di preghiera..
  • Rocco Michele LETTINI il 12/11/2015 12:52
    IL SORRISO LIEVE È SOLO UNA PARENTESI d'un vivere tormentato... d'un viver assurdo... UN QUASI A VEDERE MEGLIO CIO' CHE NON C'E'...
    Eccezionalmente superlativa... Eccezionalmente sintomatica... Lieto meriggio Roberto.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0