username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

I miei lupi

A infiniti di luna
ululano
i miei sogni

sono fantasmi di lupi
affamati
in cerca di corpo

si nutrono di cuori

solo una terrificante tagliola di follia dalla morsa di acciaio
li può catturare

Di giorno
si trasformano in molossi

e
se Ti strappano a morsi le vesti di dosso
è
per fortificare la nudità della Tua anima

non
sottovalutarli

Amore mio

amali

sono uno specchio divino
atto
a scarnificare le nostre macilente ossa

 

4
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 15/11/2015 12:47
    Un serto dovuto e sincero per questa tua stupenda davvero!
  • silvia leuzzi il 14/11/2015 22:47
    Baudelairiana questa tua lirica amico Vincenzo, bella piena di immagini che elevano le parole su mondi paralleli, così come è giusto che faccia la poesia. Un abbraccio
  • Rocco Michele LETTINI il 14/11/2015 13:26
    UN SENTITO QUANTO ARGUTO VERSEGGIO VINCE'... NULLA DA ECCEPIRE...
    *****

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 16/11/2015 08:37
    Una poesia forte, quasi aggressiva, ma al contempo confortante e utile al rafforzamento interiore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0