username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Perdona noi

Siamo nati dal
paradiso
amniotico
della creazione.

Così ogni cellula ha
cominciato a funzionare.

I nostri atomi si
sono accesi ed
hanno dato vita al movimento.

Da allora la nostra testa non ha mai
smesso di muoversi

il cuore di pulsare

le labbra di baciare

gli occhi di vedere.

Siamo figli di una perfezione certosina
figli di un Dio che ha dato vita
a un paradiso possibile

Ma l'amore per l'umanità oggi viene minato

Amore e disamore che si mettono a cooperare
contro un nemico invisibile

Kalashnikov fucili a pompa pistole
dirottamenti aerei.

Lo sgomento è l'unica cosa che
ci tiene uniti.

Perdona noi perché non sappiamo più
Quello che facciamo.

 

2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 16/11/2015 04:49
    penso che è da sempre che non sappiamo più quello che facciamo... e che Abele.. era già stato ucciso.. ancor prima di essere stato creato..
  • Rocco Michele LETTINI il 15/11/2015 09:23
    Espressivo il distico di chiusa che encomia quanto diligentemente verseggiato. Lieta giornata.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0