PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fontana di Trevi

La prima volta
t'incontrai per caso
bighellonando nei miei giorni giovani.
Ti avevo immaginata
in una piazza immensa
invece eri tu da sola tutto
luogo
beltà
unicità
e fosti un lampo in petto.
Da poco ti hanno liberata
dalla gabbia del restauro:
Oceano è tornato
a ricordare agli occhi
arte
ingegno
pulizia di civiltà passate.
Ho paura di perderti
e stamane da te sono tornata.

Dicono che ora
toccherà Roma la follia.

Continuerò a vivermela
questa mia città che amo
nel bene e nel male
per non morire
prima di essere colpita.

 

4
3 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Sergio Fravolini il 20/11/2016 07:50
    L'amore tra altri giovani e una fontana che non è soltanto una fontana...
  • salvatore maurici il 03/09/2016 22:05
    Roma, una città immensa dove milioni di abitanti la vivono e ci si perdono, alcuni si ritrovano e vi trovano magari in un posto del cuore, un angolo di un vecchio palazzo, magari scrostato eppure sufficiente perchè un amore continui a vivere ed ha sperare "Ho paura di perderti/e stamane da te sono tornata. E vi tornerà sempre la nostra Chira alla sua città.
  • Antonio Garganese il 24/12/2015 10:48
    Fontana di Trevi insolitamente sola nel ricordo di chi la vive e sa che è testimone di un passato che non torna. In poesia si può rinnovare.
  • vincent corbo il 16/11/2015 06:41
    Comprendo le tue paure... ormai si vuol distruggere quanto di più bello esiste al mondo ma la bellezza vincerà sempre sulla guerra e sull'odio.
  • roberto caterina il 16/11/2015 06:40
    Molto bella Chiara e piena di dolorosa consapevolezza...
  • Vincenzo Capitanucci il 16/11/2015 04:59
    Bellissima Chiara.. un fontana di Trevi.. illuminata dalla luce del terrore... che spinge a vivere ogni cosa del presente... con lucidità e amore..

    ... eri tu da sola tutto
    luogo
    beltà
    unicità
    e fosti un lampo in petto...

3 commenti:

  • leopoldo il 27/01/2016 13:04
    Bella, Chira, poi Roma... viverla sempre ed in modo diverso, non mi annoierà mai. Neanche la cattiveria e la stupidità umana ci riuscirà!
  • Ugo Mastrogiovanni il 05/01/2016 16:56
    Un frammento immortale della città eterna che Chiara rievoca con quella forza della giovinezza con la quale distrattamente la vide, ma non l'ammirò, la prima volta. L'amabilità del verso richiama la freschezza di quegli anni spensierati ai quali, unitamente alla famosa fontana, l'autore sembra rivolgersi; e la cadenza del testo par li ripercorra con la grazia con cui si rivolge al monumento. Circa "... Roma la follia" stendiamo un velo pietoso!
  • Vincenzo Capitanucci il 16/11/2015 05:05
    condivisa sulla mia pagina di fb.. grazie.. Chira.. è il mio modo di aiutare gli Autori e poesiracconti condividendo le migliori opere del sito altrove..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0