accedi   |   crea nuovo account

Faccia metallica

Le stelle sono alte
i boccioli in fiore
e io non so che fare
di questa faccia metallica
che osserva la realtà
soltanto da lontano.

Ho combattuto -questo è
certo- contro un mondo
che rapiva parti di me
sempre più in profondità.

Ma oggi la guerra deve
ancora finire
il metallo del mio viso
tintinna sotto i colpi
del bombardamento.

Il fatto è che nella razionalità
tutto assume un senso,
tutto si delinea,
anche l'amore diventa
una questione a portata
di mente.

Ma in me è la follia
a dettare legge,
le mani e i piedi che
si sporgono
dove sotto è solo Caos e
confusione.

Un ultimo lamento,
per favore,
vittima di un destino
troppo aspro
che mi riduce ad ameba incondizionato.

 

4
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 17/11/2015 08:51
    solo dal Caos... può nascere una nuova stella.. auguri Ferdinando..
  • roberto caterina il 17/11/2015 06:51
    "... l'amore diventa una cosa a portata di mente..." mi piace, dipende poi da che tipo di mente, se incarna l'ideale neoplatonico di sofia... Tasso in un suo famoso sonetto diceva: "Amore è mente... alma del mondo"... Un'altra cosa, ad un poeta non si concede mai "un ultimo lamento" perché si sa quanto sarebbe pervasivo e infinito...
  • Rocco Michele LETTINI il 17/11/2015 05:16
    Sempre più in profondità... nei suoi oculati et espressivi verseggi... Serena giornata Ferdinando.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0