accedi   |   crea nuovo account

L'addetto del comune e l'in qui nato mentale

Tra tutti i luoghi del cervello
belli
selvaggi magici e misteriosi
baciati
da mari d'inconsci e a accarezzati da raggi di luna

dovevo
venire ad abitare attaccato alla fabbrica inquinante dei miei pensieri cartacei

e
dopo mie reiterate e innumerevoli proteste per cambiare residenza

- sognavo un posto più silenzioso e meno chiacchierato -

l'addetto
del comune mi ha risposto

Lei caro signore qui è nato
e
non vi è altro luogo oltre il pensiero dove possa andare

 

2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 20/11/2015 13:46
    Un plauso dovuto per questa tua straordinaria.
  • Rocco Michele LETTINI il 20/11/2015 13:43
    LA MENTE È UNA SOLA E... NON È INTERCAMBIABILE... GIOIE E TORMENTI SI ALTERNERANNO SEMPRE... LA CHIUSA È AVALLO ENCOMIABILE... VINCE'.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0