accedi   |   crea nuovo account

Keplero

Ritornano i pensieri asciutti degli Dei

centro
ritrovato poco prima della fine.

Non mancano per le prime idee
come per le ultime
il vino dolce
e quel fuoco ottico che Keplero
aveva riportato fra gli uomini
perché scaldasse le loro menti
nella visione di mondi lontani

e quel canto
che avendo attraversato
il maestoso autunno si colora di rosso
nella caduta della felicità
sulla terra
dove il ricordo carico di bellezza
non esclude la pietà.

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 24/11/2015 16:18
    Condivisa ed apprezzatissima questa tua straordinaria.
  • Rocco Michele LETTINI il 24/11/2015 13:16
    La maestria non è acqua... Straordinario da sempre... Roberto.

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 24/11/2015 16:08
    colui che scoprì la stella che porta il suo nome... bella poesia, roberto
  • Vincenzo Capitanucci il 24/11/2015 14:01
    bellissima Roberto... da quando ho visto il film Agora.. vero o non vero.. quando leggo di Keplero.. vedo il volto di Ipazia.. e di quel fuoco che distrusse la biblioteca di Alessandria.. in ottica cristiana.. dove il ricordo carico di bellezza
    non esclude la pietà... di un suo schiavo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0