accedi   |   crea nuovo account

Radura

Bracco, caccio ancora
quel bastardo sul mio muro
compagno e amico di una vita
persa a chiedersi perdono.

indizio.

Piombo dentro e luogo vuoto.
Oh, sì
ne assaggiai il sapore scomodo
perché io ero, certo, gli alberi
(non ma!) e nessun tendersi di fili.
Quella calma... affannosa, solo sua,
mi sommerge e soffoca
della sua, profonda,
nube.

E pur sapendo dire ciao,
chi?

Non c'è sapere
né giusto
meglio cadere
e gli occhi sul muro.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0