PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quattro note un po' idiote

Ascolta queste note un po' idiote
le puoi fischiettare quando piove
una finestra chiusa non le rimuove
né le tue mani saranno vuote.

Nel mio cuore ci sono tante tasche
in quella più grande ci sei tu
t'affascina più Lancillotto o Artù
per te sarei persino un apache.

Una barba bianca aspetta le tue labbra
tu sei musica che scende dentro la mia fibra
pioggia a dirotto che mi penetri nelle ossa
ogni istante è sorpresa, è scommessa!

Su asfalto o su terra il mio passo va cantando
mentre un spicchio di cielo m'attira mutando.

 

1
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 27/11/2015 05:22
    Buono il contenuto e, con un po' d'impegno la costruzione metrica potrebbe diventare perfetta. Bella la chiusa con distico a rima baciata. Sono disponibile per eventuali correzioni
  • Rocco Michele LETTINI il 26/11/2015 07:35
    Espressive strofe in un decanto apprezzabile. Lieta giornata Fabio.

3 commenti:

  • Fabio Mancini il 29/11/2015 20:09
    Grazie, Verbena. Ciao, Fabio.
  • Anonimo il 29/11/2015 03:54
    Suppongo tu voglia fare decasillabi sui quali l'accento tonico importante deve sempre cadere sulla 6/a silaba e non sulla 5/a

    1 -Ascolta queste note un po' idiote
    2 - le puoi fischiettare quando piove *
    3 - una finestra chiusa non le rimuove *
    4 - né le tue mani saranno vuote.

    5 - Nel mio cuore ci sono tante tasche - ° sono 11
    6 - in quella più grande ci sei tu *
    7 - t'affascina più Lancillotto o Artù * * sono 11
    8 - per te sarei persino un apache.

    9 - Una barba bianca aspetta le tue labbra ** - Sono 12
    10 - tu sei musica che scende dentro la mia fibra - * -e sono 15. lo iato "mi. a" va diviso
    11 - pioggia a dirotto che mi penetri nelle ossa * sono 13
    12 - ogni istante è sorpresa, è scommessa!

    13 - Su asfalto o su terra il mio passo va cantando - * - e sono 13
    14 - mentre un spicchio di cielo m'attira mutando. - uno spicchio... e altro

    Ho viso l'intenzione di scrivere in metrica ed ho voluto intervenire ma per imparare bene ogni tipo di verso, che sempre va scelto e mantenuto per tutto il testo, occorre correggere un errore per volta.

    I versi esatti sono solo 4 e sono in maggioranza ma gli altri sono tutti disuguali.

    Ciao, Dovresti studiare la metrica piano piano perché è molto complessa e per raggiungere lo scopo di fare una bella poesia in quella forma, occorre molto molto allenamento.
    Ciao, lieta d'averti conosciuto.
  • Fabio Mancini il 28/11/2015 18:32
    Ciao, Verbena. Accetto volentieri le tue correzioni. Un sorriso gentile. Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0