accedi   |   crea nuovo account

Abbiamo reso possibile di perdere i nostri cari ( Chi ara il viso di Francesco raccoglie solo spighe d'Amore )

Avevano
un bel viso Chiara e Francesco

Giovanna
e
Paolo stavano ridendo un attimo prima di essere colpiti

ripenso a loro
e a tutti quei bambini che non sono più bambini ed hanno per unica colpa di essere nati Arabi
Africani
o
appartenenti a qualche minoranza etnica

mentre
rientravo a casa percorrendo il buio viale di un qualsiasi tramonto mi dicevo per gli occhi millenari di un monte siamo tutti bimbi

figli
di uno stesso gigantesco mare a colore di cielo

ogni volta che un essere umano è vittima di una guerra e della fame

perdiamo

chi
un occhio

chi
un pezzo di cuore

ed io
mi sento perso

dalle punte delle dita fino all'anima tutta intera

 

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 02/12/2015 13:08
    Un laudo per questa tua d'incanto.
  • Ferdinando il 30/11/2015 11:05
    Emozionante e toccante, con quel tocco di maestria che ti caratterizza... complimenti Vincenzo
  • Rocco Michele LETTINI il 30/11/2015 07:36
    Un sentito verseggio per quanto è in nostra visione in questo lercio periodo... Il cuore s'è perso certamente... Serena giornata Vincè.

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 30/11/2015 11:30
    hai ragione Vincenzo anche "ed io
    mi sento perso " di fronte a tanta ferocia. Grande e buona settimana

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0