accedi   |   crea nuovo account

La mia mente è stanca

La mia mente è stanca,
collassa e si ricuce
davanti al volto formidabile
della paura.

Un mare l'ha bagnata
quando era ancora bambina,
un mare d'amore e disamore,
amore fatto immagine e suono e colore.

Allora la fantasia era un profilo perfetto,
il gioco e il sogno
come mani di fata
lasciavano brillare
gli aloni di una guerra
non ancora cominciata.

Tutto era vivo
tutto era santo.

La vita cangiante
come una cometa
lasciava alle spalle
strascichi di luminosità

Ma oggi questa mente
è stanca,
stanca di arrancare
lungo gli spazi ostili
del disagio.

La follia
come una puttana dai denti d'oro
infiamma le voglie segrete
sino a divorare la carne
e lasciare di tutta quella
passione
solo briciole e lacrime irrisolte.

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 06/12/2015 01:05
    Dipingi con colori d'inferno in azzurri di ghiaccio le sensazioni, il vivere quotidiano. Tutto scolora e affiora in veste onirica dove gli oggetti s'incarnano e le parole volano via, la pagina bianca, il sentire come soffusa brezza o alito di vita. Oh Ferdinando davvero emozionanti le tue liriche, davvero complimenti un abbraccione Silvia
  • roberto caterina il 05/12/2015 09:42
    Lasciare le lacrime irrisolte nell'oro della follia e dell'illusione...è una prova di guerra mai conclusa...
  • Vincenzo Capitanucci il 05/12/2015 07:51
    Tutto era vivo.. tutto era santo.. finché non venne a sciupar tutto una "puttana" ... dai denti d'oro.. ora giace.. ed io con Lei.. su briciole di lacrime irrisolte..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0