accedi   |   crea nuovo account

Cieco amore

Cant'a te mona mea diletta
sti versi seppur maldestri,
pe' farti la mea eletta...

Ed ella: "Ne l'aria li sento vibrare
e dulce lo cor meo trafigge,
da nun poter far meno tutta tremare..."

" Grazia 'legante fa 'legante l'omo
a così si tal fattezze
da nun 'vertì più de Adam lo pomo..."

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 06/12/2015 01:16
    Vibrazioni.. elette dilette -- che legano l'uomo con grazia ed eleganza.. alle sue edeniche origini..
  • silvia leuzzi il 06/12/2015 01:15
    Pur amando meno questo genere di liriche, a te, caro Pompeo, che hai il dono di riportare in vita suggestivi pensieri di un tempo che fu, ma solo per parlare del quotidiano e di sentimenti antichi come l'uomo; a te, caro Pompeo, ti leggo sempre affettuosamente. Un abbraccio a presto

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 06/12/2015 01:16
    a te ti ahahhah che errorone scusami amico mio ma è tardi ahahhahhah

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0