accedi   |   crea nuovo account

Se non ci sei più

è un presepio fatto in casa
il tuo volarmi sopra le spalle
e in tinte d'avorio e rosa
l'ultima tua purezza si fonde
nel sermone della mia incostanza
a tutte le altre cose dolci che hai saputo regalarmi.

maturano le stagioni
e come teneri gherigli
cadono
sulla bocca irrequieta
dell'abile mangiafuoco.

sono io il burattinaio della sconfitta
perché se più non sai amarmi
allora quel tendere fili
verso la gloria del paradiso
altro non è che un inutile
giochetto da bambino ancora
preso dal sonno.

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 10/12/2015 11:33
    122722 bellissima Ferdinando tra le Tue migliori.. sta nascendo il divin poeta..

2 commenti:

  • roberto caterina il 09/12/2015 19:22
    un gioco di un bimbo ancora preso dal sonno, sì...
  • Rocco Michele LETTINI il 09/12/2015 13:52
    saggio e riflessivo componimento poetico. Il mio elogio e il mio lieto meriggio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0