PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Natività

Dal ventre di Maria, Gesù nasceva
al centro della storia e del futuro;
sulla grotta la stella risplendeva;
giunto il Messia! Ognuno era sicuro.

Il cuore dei pastori ch'era puro
lo accolse senza indugio e con timore.
Posto sul pavimento nero e duro,
immetteva nel mondo il suo calore.

Della Famiglia Sacra era l'albore,
calco di tutte quelle che nel mondo
sarebbero vissute nel suo Amore
rendendo tutto il dopo più fecondo.

Cantando Angeli lodi in girotondo,
benedicendo i doni dei pastori,
a nessuno di loro fu secondo,
il bambinello nato tra gli allori.

I Re Magi donarono aromi e ori,
l'omaggio dei potenti della Terra;
si prostrarono offrendo grandi onori,
al Bimbo nato come fiore in serra.

Un giorno si dirà venuto in guerra,
una guerra sferrata senza sosta,
Troni e Dominazioni Egli sotterra,
senza tema ed in rigida risposta.

Ma la fragilità umana non sposta
i suoi criteri semplici e puerili:
non sa guardare in Alto perché posta
le proprie aspirazioni nei gentili.

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 30/12/2015 08:18
    UNA NATIVITA' AD AUREI CARATTERI CHE ELEVANO IN TERRA NOSTRO SIGNORE GESU' CRISTO... PORTATORE DI PACE... PORTATORE DI GIOIA...
  • Vincenzo Capitanucci il 20/12/2015 08:31
    il centro della storia si è fatto grembo e luce di una stella... Buone feste Verbena...

2 commenti:

  • Dora Forino il 20/12/2015 11:42
    La natività, elaborata in modo mirabile dall'autrice.
    Complimenti!
  • Verbena il 20/12/2015 09:08
    A tutti voi grazie per le vostre attente parole e l'augurio per un felice Natale ed un buon Anno Nuovo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0