accedi   |   crea nuovo account

Il salmone

è un esercito che anela al silenzio
questo stanco vagare innaturale
serio, lineare, minimo
una specie di forza sommessa
che ritorna dove lo sguardo si posa.

Arrancano e combattono
i desideri del Poeta
come presi da una strana morsa di banalità certosine
ma là dove l'acqua s'espande
sotto le trasparenze o la spuma
o un'arrendevole fluire di menzogne
il salmone risale le cascate
più forte della corrente e
forse più santo di qualsiasi altra specie

Sotto l'alone bagnato del cielo
s'alzano miraggi
come castelli o forse come guide
nel deserto dell'intimità
il desiderio combatte
senza pagare dazio.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 20/12/2015 08:34
    come salmi e salmoni i pensieri del poeta tornano per riprodursi di nuovi incanti tornano alla sorgente... bellissima...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0