username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'ora del rientro

Dall'altura che domina
la foce del Magra
la vista spazia
dalle Apuane fino al mare
con un cielo pitturato
di varie tonalità di rosso
come acquerello di pittore
appena impresso
sempre fresco
infuso di sangue e oro
così l'animo
assorto nel silenzio
contempla
il sole che muore
risucchiato come moneta
nel salvadanaio.

Immediatamente
l'aria
quasi una protesta
punzecchia
la pelle
con freddi spilli.

È l'ora del rientro.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Fabio Realacci il 08/04/2016 06:56
    Sublime ed estatica visione della natura che resta impressa quale dolce ricordo.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0