PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La ricompensa

Un giorno er Re de 'na scacchiera
s'era stufato d'esse "re-legato"
a pezzo de meno importanza
rispetto alla consorte.
Quella, coll'aria de 'na gran signora,
se n'annava in giro pe' tutta la scacchiera,
s'avvicinava ar Re dell'antro tratto,
lo provocava co' le sue moine,
e quello se sentiva soddisfatto
de avè tutte pe' sè le du' Regine...
Così se consultò col consigliere
(che era quer ruffiano dell'alfiere),
je disse: "Tu che corri più de me, va' un po' a vede':
se trovi i due infami sul più bello,
daje 'na puncicata de cortello!
Nun esità! Vedrai che te saprò ricompensà!"
L'alfiere andiede, e li trovò in flagrante.
Je disse alla Regina: "Me dispiace disturbà,
ma me manna Sua Maestà, coll'ambasciata...
... de davve 'na puncicata!
La Regina, tutta preoccupata,
"Pe' carità!" je disse "Nun fiatà!
Vedrai che te saprò ricompensà!".
Je fece quello: "E che me date?"
E lei: "Che voi?"
E lui, sornione, "Se desiderate...
ve posso accontentà
come sta a fa' 'sto tipo quà!"
"Vabbè, ce sto! "je disse la Regina
"Mò va de là, quann'ho finito cor signore,
te servo a te..."
All'alba l'alfiere ritornò alla reggia.
Er Re je disse: "Com'è andata?
J'hai poi dovuto dà la puncicata?"
"Eh, si, Maestà, ma n'j'è bastata!
Ha chiesto er bis pe' tutta la nottata!"

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0